Luoghi più affollati al mondo: la mia lista prima del covid-19.

In queste settimane lo smartworking mi ha aiutato molto a distrarmi dall’ emergenza del coronavirus. Spesso e volentieri però la mia mente torna ai viaggi: a quelli fatti, quelli programmati, cancellati a causa del covid-19 e quelli ancora nel cassetto. Cerco di immaginare come cambieranno le nostre vite a fine pandemia, come sarà la normalità, ma per ora, da sola non trovo risposte.

E allora succede che voglio buttar giù qualche riga sulla vita pre-covid, come se questo virus portasse ad una distinzione ben marcata della vita prima e dopo.

Penso e ripenso a come saranno quei luoghi che nel pre emergenza erano considerati i più affollati del pianeta. Rimarranno tali? Cambierà la classifica? Verranno creati degli accessi numerati? Al momento è presto per saperlo, ma in questo post vorrei condividere la lista dei luoghi più affollati che personalmente ho visitato.

  • Venezia
  • Times Square a New York
  • L’incrocio di Shibuya a Tokyo
  • Barcellona
  • Il Salento

Venezia –  Per la prima volta nella storia, quest’anno a causa del coronavirus è stato annullato il famoso carnevale. Uno di quegli eventi al quale non ho mai partecipato, dato che la quantità di persone mi spaventava al solo pensiero. Con oltre 23 milioni di turisti all’anno, Venezia è ai primi posti in Italia come destinazione turistica, tanto da far parlare addirittura di “overtourism”. Cosa ne sarà di questa città tra arte e laguna? Non riesco ad immaginarlo, ma spero tanto di poter tornare a fare il tour dei bacari in spensieratezza tra le sue meravigliose calli.  

La folla di Times Square vista dalle scalette rosse: un luogo imperdibile!

Times Square – nel 2016 ci siamo regalati il viaggio a New York. Devo essere sincera, non era la destinazione “della vita”, quella che sognavo dall’infanzia, ma l’ho sempre considerata un must. Una delle decine, centinaia, migliaia di cose da fare prima di morire. E adesso che ci son stata, non vedrei l’ora di tornarci, perché il primo appuntamento non mi ha delusa. E’ la città che non dorme mai, che quasi infastidisce per l’esagerazione che ostenta ovunque, ma senza tutto quel “troppo” non sarebbe NY. E Times Square con i suoi enormi maxischermi, nonostante sia più piccola di tante altre piazze famose al mondo, è il luogo più visitato ed affollato di Manhattan. Provare per credere!

Shibuya Crossing – E’ la Times Square giapponese. L’incrocio di Shibuya, situato nell’omonimo quartiere a Tokyo, in Giappone, è veramente uno dei luoghi più affollati al mondo. Qui le auto si fermano per permettere ai numerosissimi pedoni di attraversare la strada in modo sicuro e vi assicuro che trovarcisi in mezzo, è una vera esperienza da non perdere. Noi abbiamo fatto più attraversamenti, solo per il gusto di farlo! Inoltre, un’altra ragione per una tappa a Shibuya è la statua di Hachiko. Chi si ricorda di lui? E’ quel cane protagonista della storia che ha commosso molte persone in tutto il mondo. Nonostante la morte del padrone, il cane ha continuato ad aspettarlo puntuale all’uscita della stazione per oltre dieci anni.  

Il Mercat de la Boqueria a Barcellona: una tappa obbligatoria, soprattutto per i foodies!

Barcellona – Per anni è stata la mia destinazione preferita per quei weekend in leggerezza. Sapermi orientare con disinvoltura, conoscere la lingua e passeggiare con gli occhi a cuoricino per la città catalana erano delle certezze. Ma dopo l’ultimo viaggio, la mia adorata Barcellona mi ha delusa. Gente ovunque, difficoltà per trovare posto nei mezzi pubblici, piccole botteghe che hanno dovuto lasciare il posto a negozi di souvenir tutti uguali. Anche qui, come a Venezia si parla –ahimè- di sovraffollamento turistico, con più turisti che residenti. Fortunatamente però non ho trascorso il weekend lungo con l’amaro in bocca. Tra Barcellona e Tarragona, nel Penedés, si produce il Cava, lo spumante spagnolo esportato ormai ovunque. Ottima destinazione per chi, come me, è appassionato di enogastronomia!

La spiaggia di Polignano a Mare in agosto.

Salento a Ferragosto – Il Salento mi era rimasto nel cuore dai viaggi di lavoro. Buoni vini, ottima cucina e molti luoghi da scoprire. Tutto è meraviglioso fuori stagione, ma in agosto l’intera area si trasforma, diventando per molti un incubo. “Colpa” di noi italiani che abbiamo (avevamo?) le ferie in agosto, “colpa” di un territorio che per diverse ragioni fatica ad organizzarsi nella gestione del boom degli ultimi anni: certo è che qui c’è gente sempre, ovunque e comunque. Nonostante la scelta di soggiornare in una masseria fuori dai centri più blasonati, gli assembramenti sono ovunque: di giorno per trovare un buco in spiaggia e di sera per fare quattro passi nei vari centri.

Potrei continuare questa lista, citando i celebri Cable Cars di San Francisco (tram vittoriani per spostarsi in città), il Museo del Louvre a Parigi, Takeshita Street a Tokyo, il cambio della guardia a Buckingham Palace o, per giocare in casa, la spiaggia di Jesolo (VE) praticamente tutti i weekend estivi. Sicuramente qualcosa cambierà e passerà del tempo prima di rivedere affollati questi luoghi. Io intanto continuo a sognare i viaggi on the road, i miei preferiti, nei quali ho la libertà di potermi muovere nella direzione che preferisco, seguendo l’istinto, le emozioni e la curiosità.

E Voi, che viaggiatori siete? Quali sono i luoghi più affollati che avete visitato nei vostri viaggi? Raccontatemelo nei commenti: sono curiosa!

8 comments on Luoghi più affollati al mondo: la mia lista prima del covid-19.

  • Maria Grazia Vinci

    Eh si, erano tutti luoghi molto affollati quello che hai citato… Io in genere ho sempre cercato di sfuggire la folla, ma a certi posti – nonostante non ci si riuscisse a muovere – non ho saputo rinunciare… Il top per me in questo senso è rappresentato dalla cittadina cinese di Pingyao, dove mi sono ritrovata qualche anno fa durante la locale Festa della Repubblica… Nella via principale del centro non si riusciva letteralmente a dare un passo!

  • Veronica

    Venezia, Times Square e Barcellona le ho visitate anch’io e, come te, sono rimasta quasi impressionata dalla quantità di gente per strada. Aggiungerei anche Firenze, Trafalgar Square a Londra e molti altri luoghi iper turistici. Sono davvero curiosa di scoprire come si evolverà il turismo passata questa epidemia.

  • julia

    sono stata a Shibuya tuttavia ho trovato peggio al tempio di Asakusa, ti trasportavano le altre persone senza neppure camminare attivamente :O è anche vero che era la golden week.
    Non pensavo ci fosse in lista il salento

  • Claudia

    Sono stata in tutti i luoghi di cui hai parlato e forse quello che ho trovato meno affollato è stato il Salento…ma solo perché non era agosto!

  • Francesca

    Trovo sia molto interessante! Venezia è una città meravigliosa e l’ho sempre vista super affollata.
    Gli altri posti non li ho mai visitati ma sono nella mia wish list!

  • Valeria

    Aggiungerei anche la Galleria Vittorio Emanuele a Milano, alcuni spiagge della Liguria in Agosto, il mercatino di Portobello al sabato mattina e il bazar di Teheran…magari non così estremi, ma sicuramente non “covid approved”.

  • paola

    A parte il Giappone (ahi! mi manca!) tutte le altre città sono strapiene! Forse forse vince il Salento ma è una bella lotta con Venezia a Carnevale! Però, dopo questo periodo di isolamento, un bel bagno di folla io me lo farei!

  • Alessia Picciolo

    Viene da pensare se torneranno affollati come prima, ma credo proprio di si… Difficile credere a Times Square senza turisti, visto che era affollata a qualsiasi ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.