Galway: cosa vedere oltre i fantastici pub.

Se chiedessi ad ognuno di voi cosa vi ha privato il Covid, sicuramente riceverei moltissime risposte. L’epidemia, che ormai ha travolto oltre la metà di questo 2020, si è portata con sé affetti, relazioni e libertà, senza pensare al lato economico, per il quale subiremo le conseguenze ancora a lungo. Parlando di viaggi, il mio 2020 avrebbe dovuto essere l’anno in cui avevo pianificato di conoscere meglio l’Irlanda, dato che Laura, mia sorella, era partita lo scorso settembre per il programma Erasmus. Quale miglior occasione per organizzare vari weekend lunghi e scoprire così nuove zone di quel bellissimo Paese? A quasi un anno di distanza dalla sua partenza, sono riuscita ad organizzare solo un weekend lungo (sugli almeno tre previsti) che ho dedicato alla visita di Galway, capitale europea della cultura 2020. La cittadina non è tanto grande e non ha nemmeno troppe attrazioni turistiche, eppure, è una delle prime mete d’Irlanda, seconda solo a Dublino. In questo post vi racconto le tappe principali di Galway, ovvero le cose da vedere in un weekend tra tradizioni, pub e buona musica.

Il suo centro non è troppo grande, per questo Galway può essere la meta per un fine settimana, oppure una tappa lungo un viaggio alla scoperta dell’Irlanda. La via centrale della cittadina si estende dal Kennedy Memorial Park (meglio conosciuta come Eyre Square) fino alla zona di Spanish Arch/Claddagh, da dove parte una camminata lungo la Galway Bay.

Non si è quasi mai stanchi per una birra!

Pronti per scoprire cosa vedere a Galway?

Eyre Square

Il suo nome ufficiale dovrebbe essere Kennedy Memorial Park, ma prende il nome del sindaco di Galway che nel 1710 ha mostrato il progetto della città. Oggi è il punto di ritrovo per i giovani, ma anche il luogo perfetto per un picnic in famiglia o con gli amici durante i (pochi) giorni di sole. Piccola curiosità: in questa parte della città si trova O’Connor Pub: molto spesso è pieno, ma è un must per i turisti, in quanto rappresenta la quinta essenza di un pub irlandese. Inoltre, è uno dei due pub utilizzati nel video di Galway Girl di Ed Sheeran. Se siete dei veri fan, potreste anche riconoscere il barman! Un altro pub in questa zona da non perdere è il McGettingan’s: un irish pub leggermente più sofisticato. L’interno è caratterizzato da una gigantesca libreria ed ospita spesso delle serate a tema jazz con musica dal vivo.

La meraviglia delle Docks, le casette colorate, diventate simbolo della città.

Shop Street

E’ la via principale della città. Qui non troverete negozi di brand internazionali, ma tuttavia si può apprezzare l’autenticità di Galway. La via infatti è incorniciata di piccoli negozi dove si spazia dalla lana irlandese, ai negozi di strumenti musicali, alle librerie e, naturalmente, negozi di souvenir.

The Latin Quarter

Personalmente lo definirei il cuore palpitante di Galway. Unendosi a Shop Street, prosegue la fila di questi piccoli negozi con una nota in più: qui si trovano i pub, dove nel fine settimana si beve almeno una pinta di birra o del sidro, ballando (e cantando) canzoni che riportano indietro di qualche anno. Un consiglio: se cercate un pub carino dove poter rilassarvi con dei classici della musica leggera davanti ad una pinta, andate al The Quays. Se invece volete assaggiare dei piatti tipici della cucina irlandese vi consiglio The Pie Maker, un piccolo ristorantino dove provare il Beef Guinness Pie, oppure il McDonagh’s per un classico Fish’n’Chips.

Spanish Arch

E’ la parte finale del centro, quella che dà sulla baia. È esattamente qui che potrete ammirare le casette colorate, diventate il simbolo di Galway. Spanish Arch è l’attrazione “storica” della città: sono i due archi rimanenti che una volta facevano parte delle mura difensive della città, mentre ora dà il nome ad un’area in cui i giovani si ritrovano a fare aperitivo e a godersi il sole lungo la baia. Una legenda mai confermata, ma nemmeno negata, sostiene che Cristoforo Colombo prima di trovare l’America sia passato di qua. Sicuramente è un posto magico: camminando in questo prato, c’è una panchina in sasso che attira l’attenzione di ogni turista: è il luogo perfetto per fermarsi e ammirare le Docks (le casette colorate). Peccato che la targa di questa panchina, molto spesso, passi inosservata: “the kindest man in town”.

Claddagh

Appena fuori dalle mura della città vecchia, si trova la zona di Claddagh che in passato era un villaggio di pescatori. Sembra che in una delle case qui, sia stato inventato il Claddagh ring: un anello composto da due mani che tengono un cuore incoronato, usato oggi come tradizionale anello di fidanzamento.

Galway West End

E’ la parte meno turistica della città, nonostante sia piena di ristoranti e locali. Se volete ascoltare musica dal vivo, vi consiglio di farvi un giro al Róisín Dubh: ogni giorno della settimana ospita diversi eventi, dalla Silent Disco ai concerti live di band irlandesi o importanti cover band. Inoltre, in questa parte si nasconde un’altra chicca: secondo The Irish Times qui si trova il miglior hamburger d’Irlanda presso Handsome Burger. C’è poca varietà, ma gli hamburger sono davvero eccezionali e il personale è più che disponibile ad aiutarvi nella scelta.

Salthill

Un nome, una garanzia. Salthill è la frazione di Galway che si sviluppa lungo la Galway Bay. E’ un luogo magico, dove poter camminare lungo l’oceano, lasciando andare i pensieri. Da queste spiagge nei giorni di cielo limpido sembra sia possibile vedere le isole Aran, che io purtroppo non sono riuscita a vedere a causa del meteo decisamente avverso.

Nonostante la pioggia ho apprezzato molto questa piccola cittadina universitaria dall’aria giovane, frizzante e cordiale. Anche se non offre attrazioni particolarmente turistiche, mi é piaciuto camminare per i vicoli ed immergermi un po’ nella cultura irlandese. La mia visita é poi continuata con una visita ai dintorni di Galway, di cui vi racconterò presto in un nuovo post.

16 comments on Galway: cosa vedere oltre i fantastici pub.

  • sandra

    Purtroppo a Galway ci siamo stati solo di passaggio (non per nostra scelta)… ho sempre rimpianto di non averla vista bene e quest’anno avremmo dovuto tornarci ma poi abbiamo dovuto rinunciare.
    Bello il tuo articolo e anche interessante e poi… dai… c’è sempre spazio per una pinta di Guinness 😉

  • beatrice

    Galway, forse per le canzoni, è la città che più mi affascina dell’Irlanda. Non so, ho tanta voglia di vederla. Sono convinta che troverei n po’ di vera Irlanda qui a Galway

  • Gabriella - Sas bellas Mariposas

    Ho letto l’articolo con in mente la canzone di Ed!
    Adoro quelle ambientazioni e mi piacerebbe tanto poterci andare… a vivere! Ma per ora resto nella mia isola, la Sardegna. Ottimo articolo, fa davvero venire voglia di viaggiare. Speriamo lo si possa fare presto con più tranquillità.

  • Sr. Mariadoria

    bello che fai visitare per blog le città turistiche importanti e caratteristiche anche durante la quarantena. buona idea. Il blog é un sociale divulgativo che non conosce limiti di tempo.

  • valeria

    Conoscevo Galway proprio per le casette colorate. Merita, anche gustare una pinta di birra!

  • Giuseppina

    Ho visitato l’Irlanda molti anni fa in un viaggio cicloturistico di una decina di giorni, purtroppo non ho visitato la località che tu hai piacevolmente descritto, facendo riassaporare le magiche atmosfere celtiche.

  • Simona

    Sono stata a Galway tanti anni fa, in occasione di un viaggio on the road in Irlanda. Sinceramente non mi colpí molto, ma ci rimasi solo una notte, eravamo di passaggio… ??‍♀️

  • Claudia

    Mi piacerebbe tanto fare un on the road in Irlanda. Di Galway mi ispirano moltissimo le Docks e il Latin Quarter

  • Maddalena

    Carina Galway! Ne ho sentito parlare ovviamente perché è turistica effettivamente.. un giro me lo farei così come a Cork. I tuoi spunti sono utili, seppur piccola qualcosina da fare e vedere c’è.. è una cittadina da visitare con calma godendosi l’atmosfera irlandese 🙂

  • michela

    Bellissime idee mi hai dato per andare a visitare questa cittadina. Nn solo pub ma anche mercatini e giri x le viuzze alla ricerca di non so che!

  • Silvia The Food Traveler

    Anche nel mio caso questo anno maledetto mi ha costretta a cancellare tra le varie cose proprio un viaggio in Irlanda! Erano previste due tappe, a Belfast e a Dublino, ma non a Galway dove sono già stata un paio di volte. È una città stupenda e ora mi hai fatto venire voglia di tornarci 🙂

  • michela (author)

    Ogni tanto é bello tornare dove si è già stati per vivere i luoghi senza fretta e godersi il momento!

  • Roberta

    Ci siamo stati qualche anno e ce ne siamo innamorati. Quell’aria di festa per le strade ci ha davvero conquistato.

  • Valentina

    Non conoscevo assolutamente Galway ma sembra una città molto carina! Ci sono davvero parecchie cose da vedere, non pensavo!

  • Erica

    Il tuo post mi sta facendo mangiare le mani: durante un OTR con amici anni fa ci fermammo a Galway solo un paio di ore. Pioveva, non trovammo posto nell’ostello e ci lasciò la sensazione di una cittadina da evitare. Evidentemente ci sbagliavamo. Ci dovrò tornare per darla una seconda chance.

  • Francesca Giannoni

    Sono stata a galway 25 anni fa e vorrei tanto tornare con i miei ragazzi. Ricordo un b&b molto carino un po’ fuori città. Ma soprattutto da lì ci siamo imbarcati per le isole Aran dove abbiamo ricordi bellissimi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 − 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.